La Costituzione Italiana: Lo Stato laico e la valorizzazione del fenomeno associativo.


La Costituzione Italiana

Lo Stato laico e la valorizzazione del fenomeno associativo (articoli 2, 7 e 8)

Nell'ambito del progetto si è svolto, martedì 5 febbraio 2019 in Auditorium, l'incontro tra il Corpo Italiano di Soccorso dell'Ordine di Malta (CISOM) e le classi 1A, 1C, 2E, 3Bi e 3Ei per approfondire alcuni aspetti della Costituzione italiana e per discutere delle attuali emergenze sociali.

Il Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta (C.I.S.O.M.) è una Fondazione di diritto melitense con finalità di protezione civile, sociale, sanitario assistenziale, umanitario e di cooperazione; il riconoscimento del C.I.S.O.M come fondazione avviene a seguito dell'accordo tra il Governo della Repubblica Italiana ed il Sovrano Militare Ordine di Malta del 17 maggio 2012, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 9 dell'11 gennaio 2013.

La presenza dei volontari C.I.S.O.M., Adamo Carpaneto e Antonio Pesce, tra gli studenti del "Mattei", è stata l'occasione per parlare di associazionismo e solidarietà ripercorrendo alcune tappe storiche dei Cavalieri dell'Ordine di Malta, dalla loro presenza in terra Santa al travagliato passaggio in Italia; ciò per offrire alla platea di giovanissimi anche una visione di fatti storici da correlare agli avvenimenti più o meno risalenti nel tempo, e che hanno inevitabilmente delineato i tratti essenziali del nostro presente, con tutti i suoi problemi e tutte le sue paure.

La nascita dell’Ordine, con diversa denominazione, risale al 1048 quando alcuni mercanti dell’antica repubblica marinara di Amalfi ottengono dal Califfo d’Egitto il permesso di costruire a Gerusalemme una chiesa, un convento e un ospedale nel quale assistere i pellegrini di ogni fede o razza. L'invasione di Gerusalemme da parte dell'esercito turco costrinse l’Ordine ad assumere la difesa militare dei malati e dei pellegrini e a proteggere i propri centri medici e le strade principali; tuttavia la caduta degli ultimi avamposti cristiani in terra santa nel 1291 indusse i cavalieri a migrare verso Cipro, Rodi, Malta ed infine, per volontà napoleonica, a Roma.

Il forte legame esistente tra Chiesa Cattolica e Ordine di Malta ed il loro rapporto con la Repubblica Italiana è stato lo spunto per parlare agli studenti, con un linguaggio semplice e multidisciplinare, del concetto di laicità dello Stato: tale caratteristica, infatti, viene affermata con forza dalla Costituzione Italiana all'articolo 7 (Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani) ed all'articolo 8 (Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge. Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l'ordinamento giuridico italiano. I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le relative rappresentanze).

La seconda parte dell'evento ha avuto come protagonista il racconto delle iniziative di sostegno e di aiuto promosse dalla fondazione verso i più deboli, sia con riferimento alla realtà milanese che a quella nazionale ed internazionale: le testimonianze del due volontari, Adamo Carpaneto e Antonio Pesce hanno tenuto alto il livello di attenzione dei ragazzi. 

Anche queste testimonianze hanno offerto al docente la possibilità di spiegare il senso profondo e pratico dell'articolo 2 della Costituzione allorquando afferma che La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità,e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.

Potremmo affidare la conclusione di questo percorso alle parole del giurista Piero Calamandrei quando, in occasione di una lezione tenuta agli studenti milanesi, espresse una Sua personale opinione sulla Legge Fondamentale dello Stato: "La Costituzione non è una macchina che una volta messa in moto va avanti da sé. La Costituzione è un pezzo di carta: la lascio cadere e non si muove!!! Perché si muova bisogna ogni giorno rimetterci dentro il combustibile. Bisogna metterci dentro l’impegno, lo spirito, la volontà di mantenere queste promesse, la propria responsabilità.

Grazie

Prof. Gennaro Izzo - Scienze giuridiche ed economiche

La Costituzione Italiana: Lo Stato laico e la valorizzazione del fenomeno associativo.

Ultima modifica il 04-01-2021