Siti web realizzati con Project Work


SITI WEB REALIZZATI CON UN PROJECT WORK AL MATTEI

 

Durante l’anno scolastico 2016/2017 un gruppo di 25 studenti della specializzazione Informatica, guidato dal Prof. Domenico De Biase, ha realizzato 2 siti web con un Project Work per conto di 2 committenti: L’Associazione Educativa Mons. Andrea Ghetti Baden (un ente per la promozione dello scoutismo) che ha svolto il ruolo di azienda madrina, e Vissi D’Arte (una società per il riutilizzo e la commercializzazione di scenografie per il teatro).

Il lavoro è partito a novembre 2016 con gli incontri per la stesura delle specifiche e si è concluso a fine giugno 2017 con il collaudo e la consegna.

L’attività si è articolata in periodi curricolari, home office e full time presso il laboratorio di Informatica 2 con la collaborazione, in quest’ultima fase, dei colleghi per la sorveglianza, e dell’AT Giovanni Calzoni per l’assistenza durante tutto l’anno.

Le novità del progetto sono state: la numerosità degli studenti, la provenienza da 3 classi diverse (3ainf, 4ainf e 4binf) e la suddivisione in team coordinati dagli stessi studenti.

I prodotti finali sono stati apprezzati dai committenti, uno dei quali ha voluto fare una donazione alla scuola.

Tre sono le tecniche sperimentate per gli effetti grafici: Animate, Parallax e Masonry.

Gli strumenti di sviluppo utilizzati sono: Visual Studio, ASPX.NET, javascript, jquery, ajax e bootstrap. Tutti i contenuti sono su database MySql.

Per la manutenzione dei contenuti è stato riutilizzato e adattato il sistema sviluppato in precedenza per il sito dell’ITIS MATTEI.

I siti sono visibili ai link: http://vissidarte.cloud/ e http://www.itismattei.gov.it/baden/

sitiweb1

sitiweb2

Vista l’abbondanza di mano d’opera, nei ritagli di tempo, è stata dedicata una sessione al restyling del vecchio sito dell’ITIS MATTEI utilizzando le stesse tecniche innovative.

Il risultato si può apprezzare cliccando versione mobile sul vecchio sito.

Tutti i contenuti sono riutilizzati automaticamente e aggiornati in tempo reale grazie al fatto che i dati risiedono su un database che è rimasto lo stesso.

 

prof. Domenico De Biase

 

sitiweb3

 

Ultima modifica il 04-01-2021